Avanti BRAMBILLA!!!

Pubblicato: 9 maggio 2007 da bloghyblog in Forza Italia, Michela Brambilla, Notizie, Politica, Real politik, Silvio Berlusconi, Società, Vita sociale

Il Cavalier dopo il successo della Royal alle elezioni presidenziali francesi, visto che i suoi alleati a poco a poco stanno prendendo le distanze da lui – Casini va ripetendo a destra e manca che c’è bisogno di rinnovamento – ha deciso di affidare la leadership ad una donna.

_3272044.jpg La prescelta è niente popo di meno che la “roscia” Michela Brambilla, imprenditrice e presidente dei giovani di Confcommercio.

In questo modo il signor Berlusca è convinto di riuscire – così come è successo in Francia e così come sta accadendo negli USA con Hilary Clinton- a catalizzare l’attenzione dell’elettorato di Forza Italia.

In definitiva, punta un pò come è accaduto alle elezioni del 92 con la sua scesa in campo, sul sensazionale convinto che la sua pupilla rappresenti il “Nuovo”.

La cosa che maggiormente stupisce è che il governo del premier sulla questione delle quote rosa non aveva espresso consensi con pianti e strepiti della lagnosa Prestigiacomo.

Ora ad un tratto le donne diventano le salvatrici di Forza Italia. L’impresa ad ogni modo la vedo ardua. Come farà il sor Berlusca a mettere d’accordo tutte le signore che popolano il suo harem? Gardini, Moratti, Carfagna, Carlucci – solo per citare le più note – staranno buone buone e zitte zitte??

Eppoi il sor Berlusca non considera l’aspetto fondamentale della vicenda è cioè che siamo in Italia…e che l’America e la Francia sono ancora tanto lontane….

Annunci
commenti
  1. Dadi ha detto:

    Perchè scimmiottare il noto motto Savoia?
    Vabbè, veniamo a noi: cantava qualcuno diversi anni fa “l’America è lontana”, ma non ricordo né il nome né il titolo. Su questo siamo inesorabilmente d’accordo.
    Ma la Francia non mi sembra abbia dimostrato di essere tanto avulsa dalle piccolezze tipiche della politica nazionale (e – gioco forza – europeistica).
    Ségolène è stata un bel candidato, simpatica, preparata e, anche in molti tratti, pure sensuale; ma ha dimostrato di essere perdente sin dall’inizio delle elezioni; non si portano avanti così campagne verso la poltrona di qualsiasi organismo, figuriamoci della presidenza della repubblica.
    La Brambilla – può piacere o meno – è decisamente un volto nuovo; non facciamo che lamentarci: se l’establishment non si rinnova parliamo di vecchi dinosauri della politica, se lo fa’ irridiamo gli sbarbatelli. UFFA!
    Sulle quote rosa, poi, la politica del centro-destra è sempre stata coerente: tutte le donne del mondo in politica ma non per forzatura legislativa. Il problema (e la Prestigiacomo questo lo sa bene) è che lo stesso elettorato femminile è l’acerrimo nemico delle loro illustri onorevoli. Mi risulta che le gentili votanti siano numerologicamente superiori ai maschietti: ma mica ci pensano di votare una donna!
    E poi il buon Silvio, amichevolmente chiamato “3 senza leva’”, saprà soddisfare pienamente tutte le altre ancelle 😉

  2. bloghyblog ha detto:

    Perchè si sa la fine che hanno fatto: Dimenticati!!!
    Ormai siamo abituati alle stravaganze del Cavaliere, ma questa mi sembra a dir poco roccambolesca.
    La Royal, intanto, a casa un risultato l’ha portato.
    Per la prima volta nella storia della Republique si è assistito ad uno scontro elettorale tra un uomo e una donna e, la Royal, in questo caso non solo è riuscita a smobilitare l’elettorato francese: ha votato il 73% degli aventi diritto (cosa che non succedeva da diversi lustri), ma ha ottenuto un riconoscimento di tutto rispetto paragonabile, in termini percentuali, a quello del re sole Mitterand.
    L’errore più grande della Royal, a mio avviso, è stato proprio quello di chiamare in ballo la pulzella d’Orleans (Giovanna d’Arco), che purtroppo a ridotto lo scontro e portato la questione su temi regionalistici.
    In molte parti di Europa – e la Francia non è da meno – vi sono molti movimenti che rivendicano la creazione di un Europa formata da Regioni e non da Stati nazionali, il che per quanto affascinante risulta, all’atto pratico, anacronistico dato che viviamo in un mondo e, quindi, in una realtà economica ormai globalizzata.
    Diciamo che – sbagliando – si è fatta prendere la mano dal sentimentalismo.
    L’Italia o meglio l’elettorato italiano non è ancora pronto per questo passo.
    A differenza della Francia che oltre alla Royal ha già espresso e non solo a livello politico personalità appartenenti al gentil sesso, l’Italia sullo scenario politico internazionale, negli ultimi anni, è stata rappresentata da una sola donna: Emma Bonino, che se permetti – non sarà affascinante e sensuale – ma certamente ha molte carte e punti in più della “roscia” Brambilla…

    Il che francamente non è

  3. Sraddino ha detto:

    Volti nuovi? Dipende da chi muoverà i fili di questi volti
    nuovi. E poi secondo me tanto nuovi non sono perché a me non
    è mai capitato che venisse il cavaliere o il mortadella a
    propormi di fare il nuovo portavoce dei relativi partiti.

    La Francia di sicuro (e per fortuna per come la vedo io) non è
    di certo l’America però è anche vero che i francesi non sono
    gli americani non trovi?
    Lì non fanno come noi (sono io il primo non lo discuto) che
    siamo “pecoroni a pecorina” ma scendono in piazza, lo fanno
    anche gli extracomunitaires quando toccano i loro diritti!

    Comunque Dadi è inutile che ingrandisci quella foto, il bordo
    dell’autoreggente non si vede!

  4. Dadi ha detto:

    Già, ma proprio la mancanza di sex-appeal la ha fatta salire alla ribalta 😉
    E poi chi siamo noi per giudicare (oggi) la rossa Michela (che di secondo nome poi fa’ buonauspicamente Vittoria). Ammettiamo che non abbia lo spessore politico della buona Emma. Non credo però che arrivi ai 40 anni: qualcuno se l’è già fatta, ma lei forse si farà.
    La definisci stupida? oca? intellettualmente arida? e ignorante? su che basi?
    Forse perché porta a spasso il simbolo di Forza Italia (diavolo per antonomasia). Se fosse stata chessò dei DS? oppure della Margerita o – come la Bonino – dei radicali Italiani?

  5. bloghyblog ha detto:

    Non faccio una questione di destra o sinistra, dico semplicemente che il modello proposto da Berlusconi non regge il confronto né con quello francese (perchè la Brambilla non è la Royal) nè con quello americano (Hilary è Hilary e non si discute).
    Da noi dovrà scorrere ancora molta acqua sotto i ponti…le donne che ci rappresentano (eccetto alcune eccezioni, una per tutte: la Bonino) sono l’esempio di una cultura ancora fortemente maschilista, utilizzano i loro stessi modelli e non sono in grado di esprimere un modo di essere al femminile…
    In altre parole, sono pilotate, hanno bisogno di uno sponsor – di una presenza maschile forte – perchè da sole non vanno da nessuna parte…
    Dispiace doverlo ammettere ma da noi funziona così…altrimenti la Bramnbilla chi la conosceva???

  6. Dadi ha detto:

    Perché chi è la Royal? cosa è, cosa ha fatto di significativo per il mondo e la Francia prima d’ora? siamo sicuri che prima di 5 o 10 anni fa’ qualcuno in Francia la conoscesse tanto quanto oggi? e più di una Brambilla qualsiasi?
    Parli di pilotaggio in Italia?
    Ségolène avrà ben oltre 10 anni in più della focosa militante di FI (è del ’53). Ed è la compagna dell’attuale primo segretario del partito socialista, François Hollande.
    Anche Hillary Clinton ha dovuto vivere e crescere politicamente all’ombra del potente marito (2 volte presidente degli USA non è poca cosa) e digerire rospi più cospicui di quelli che ha dovuto mandar giù la dolce Lewinsky 🙂
    Quindi prendere a modello in modo tanto forzato modelli di vita esteri, pur di smontare cose di casa nostra, è alquanto grottesco. Almeno mi avessi fatto il paragone con Angela Merkel. Che però anche lei – alla pari della cara Emma – ha ben poco di femminile.
    Io – apparendo ben poco il maschilista che sono – ritengo che alle donne personaggi come la Brambilla, dimenticando il credo politico, non possano che essere importantissime, come icona dell’opportunità per chiunque (e non solo per i vari Casini, Gasparri, Di Pietro e Marrazzo, tutti accomunati – spessore politico a parte – dall’essere uomini) di poter arrivare in cima.

  7. bloghyblog ha detto:

    Non sono d’accordo con Te, perchè se la mettiamo sul piano personale, non veniamo a capo di nulla.
    Della nuova icona, del resto, non conosciamo assolutamente niente se non che è figlia di un importante imprenditore del nord e che ha conosciuto ad una cena il sor Berlusca.
    Le donne in politica ci devono essere.
    La cosa che forse non sono riuscita a sottolineare è che da noi rimangono, anche se riescono a guadaganare la scena politica, sotto l’ala protettrice di chi le ha lanciate, non hanno la capacità (salvo poche eccezioni) di esprimere autenticamente il loro punto di vista, in altre parole sono dei semplici ripetitori.
    Le storie della Royal e della Clinton sono storie di donne che sono nate e cresciute nella politica, sono loro che hanno spianato la strada ai loro uomini e non viceversa.
    La Clinton, prima di essere first lady, è stata e lo è tuttora uno dei più impotanti avvocati dello stato di New York.
    Bill Clinton buona parte del suo successo lo deve a lei,
    La differenza come vedi è sostanziale.
    Eppoi, secondo me non basta l’avvenenza fisica, ci devono essere dei programmi politici.
    Della Brambilla oltre a sapere che è presidente dei giovani di Confcommercio e che aderisce a Forza Italia, non sappiamo nulla. Sul piano politico finora non ha espresso niente, per questa ragione trovo che il paragone con le altre donne (Royal e Clinton) non regge.
    L’elettorato si conquista con programmi ed idee non con le simpatie del momento di Berlusconi, che peraltro si diverte da matti a tenere sulla corda i suoi alleati…

  8. Dadi ha detto:

    Un’avvocatessa che per questo fatto diventa un personaggio politico? ma per favore! Sai quanti ne avremmo in Italia?
    Che Clinton debba il suo successo alla moglie è tutto da dimostrare e sa tanto di slogan da femminista hippy degli anni ’70.
    Non ritengo assolutamente valida con questo la graziosa Brambilla (già solo per il nome un po’ mi sta sui maroni), ma neppure il suo contrario. Oltre che presidente dei giovani imprenditori della Confcommercio, è presidente della Sal Seafood (azienda nel commercio di prodotti ittici), è consigliere delegato dell’azienda di famiglia, ancora è a capo della Bio Qualitas (societa’ di alimenti biologici per animali domestici) e contitolare del centro medico lombardo di Cernusco Lombardone. Oltre al fatto di aver vinto a 18 anni la fascia di miss Eleganza nell’ambito di Miss Italia.
    La Clinton brinderà i 60 anni il prossimo ottobre e la Royal di primavere ne ha 54.
    Prendi una donna (Michela) trattala male (mettila a capo del partito) lascia che ti aspetti per ore (in Parlamento) non farti vivo quando la chiami (da Arcore) fallo come fosse un favore (io so io e…) fa sentire che è poco importante (dietro c’è sempre l’uomo) dosa bene amore e crudeltà (tanti consigli, a volte spietati) Cerca di essere un tenero amante ma fuori del letto nessuna pietà. E allora si vedrai che t’ amerà, chi é meno amato più amore ti dà.
    Testo di Marco B. Ferradini (B per Berlusconi che come saprai faceva il cantante sulle motonavi).
    Dopo 10 anni di azione politica ne possiamo riparlare, non trovi. E poi da qualche parte bisognerà pure partire. Non è colpa mia se Emma Bonino, con tutto il suo partito di liberali, si è ribellata e ha preferito abbracciare er Mortazza. Magari oggi tra le vestali ci poteva essere anche lei 🙂

  9. bloghyblog ha detto:

    Non so se ci arriva a 10 anni di azione politica: Berlusca tutto sommato e per fortuna non è un Highlander, comunque, la canzoncina mi è piaciuta e trovo che si adatti bene a miss Eleganza…

  10. Dadi ha detto:

    Dici? sembra un ragazzino: mica gli daresti gli oltre 70 anni che ha 😉
    Prodi è più giovane di 3 anni esatti ma sembra lo zio anziano 😛
    Magari è veramente un highlander o un mutante tipo Blade Runner!
    E poi Fidel docet (81 primavere e sempre in prima linea).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...