Rossi: ‘un sacco di giallo sulle colline’

Pubblicato: 6 giugno 2007 da Sraddino in Coppa America, Friend, Motociclismo, MotoGP, Motori, Repubblica, Sport

Dadi al momento non può …. quindi (dopo aver ricevuto la delega 😀 ) riporto io un breve commento sull’ultimo GP del motomondiale!

Grande Valentino ma grandi anche Barros, Stoner e le Suzuki (lo so … sono di parte!!!)

Il Fenomeno ritrova il sorriso sulla pista di casa, e si consacra mattatore indiscusso di questo tracciato, su cui la Ducati viene drasticamente ridimensionata. Soddisfatto Pedrosa, che non poteva fare di più; meno Melandri, alle prese con vecchi fantasmi. Piena crisi per Hayden

podiumsun.jpg

Mugello (ITA) – “Sono sei, sei di fila al Mugello! Ringrazio il pubblico, i miei tifosi. Sono felicissimo”.
Rossi esulta per tanti motivi: la vittoria, il record ma anche perché sa di essere tornato in lotta per il mondiale.
Come si fa a vincere così nettamente come hai fatto oggi? “Oggi è stato tutto perfetto: la moto, le gomme, la squadra, anche io devo ringraziare i tecnici della Michelin, ci hanno dato la gomma giusta. E anche i ragazzi del team, che per me sono come una famiglia, perché sono stati grandissimi. Loro hanno fatto un grande lavoro”.
Tu contro la Ducati e hai vinto, ma il pubblico era con te… “Lotto contro una Casa italiana che adesso può vincere il titolo, e pensavo che la gente sarebbe stata meno buona con me. E invece vedevo un sacco di giallo sulle colline, e capivo che si trattava di gente che faceva il tifo per me. Persino quelli che stavano sulla tribuna Ducati alla fine mi hanno applaudito. È stato bello, ma del resto anche questa sportività fa parte del nostro mondo”.
Te la sentivi questa vittoria anche alla vigilia? “No, ma nel warm up avevamo trovato una gomma che mi dava fiducia. La mia moto aveva qualche problema in uscita dall’ultima curva, questo comportava un limite come velocità di punta, ma in compenso potevo guidarla benissimo negli altri punti. E quando le gomme sono entrate in temperatura ho potuto iniziare a fare il mio ritmo”.
Eppure sei partito male. “Alla prima curva sono tutti inviperiti! Io mi sono ritrovato in ottava posizione, e ho cercato di stare calmo perché in quei momenti è facile fare errori. Però, quando ho cominciato a recuperare è stato proprio un gran divertimento”.
La Bridgestone fa meno paura? “Qui la Michelin vince dal ‘91, quindi questa è una pista in cui questa gomma va bene, ma la Michelin deve fare uno sforzo ulteriore, perché la Yamaha adesso si guida veramente bene, e anche il motore sta migliorando. Questo è un campionato in cui le gomme sono molto importanti, e non è che dopo questa vittoria tutti i problemi siano stati risolti”.
Una vittoria che cambia il campionato? “Certo, perché questa è stata la prima di quattro gare importantissime che si corrono su quattro piste che a me piacciono molto. Questa vittoria è importante per la mia posizione in campionato, visto che Stoner è arrivato quarto”.

Pedrosa è secondo, ma capisce che di più non si poteva pretendere… “Oggi il podio per me è stato un grande risultato, soprattutto perché pèartivo davvero indietro, in ottava piazza. Però sono partito bene e ne ho passati parecchi nel primo giro. A inizio gara sono stato molto bravo e determinato, ma nella seconda parte di gara dobbiamo ancora migliorare”.

Hayden, sempre più con il numero uno che si sta staccando dalla carena, commenta così: “Mi sono messo in buca da solo, partendo dalla tredicisima posizione e quindi non potevo fare molto di più”. Certo che l’undicesimo posto non è il massimo…

Anche Melandri non salta di gioia, solo un nono posto… “Ho fatto una buona partenza e all’inizio la mia moto volava, poi ho iniziato a faticare e la moto ha iniziato a saltellare e dalla terza sono scivolato in nona posizione. Lo steso problema da inizio stagione”.
Ben più contento il compagno di team Elias: “Partire quindicesimo a chiudere sesto è un bel risultato al Mugello. Purtroppo ho scelto una gomma troppo morbida (cosa che Toni fa sempre) e non ho potuto spingere come volevo”. Certo che guardando il suo sorpasso a Capirossi in staccata c’ da chiedersi: più di così?

La Ducati esce ridimensionata da Scarperia. Stoner è sincero: “Abbiamo capito che con l’asciutto sarebbe stata dura, ma al podio ci credevo. Ma ci sono solo andato vicino. Avevo anche poca trazione nei curvoni”.
Capirossi ci ha provato: “Ho dato tutto, ma mi sono preso due spaventi nelle due Arrabbiate e ho rischiato di cadere, quindi ho perso il passo giusto. Beh, sono stato davanti per poco, ma ci sono riuscito. Il campionato può cambiare faccia”.

Un grande Barros va sul podio: “Sono molto felice di aver ottenuto il primo podio della stagione; non poteva capitare in occasione migliore: per noi la gara del Mugello era molto importante. Si trattava della gara di casa sia per Pramac sia per Ducati e ci tenevo tantissimo ad ottenere un buon risultato. Dopo il quarto posto ottenuto ad Istanbul, avevo avuto un po’ sfortuna nelle altre gare, oggi finalmente tutto è stato perfetto. Ho fatto una buona partenza e ho attaccato fin da subito per non perdere la scia degli altri”.

(fonte http://www.motonline.com – articolo di Marco Masetti)

Annunci
commenti
  1. dadi ha detto:

    Grazie Sraddino.
    Alcune considerazioni:
    1. la Yamaha ha risolto tutti i problemi improvvisamente? e così la Michelin?
    2. le Ducati ridimensionate?
    3. Rossi ha sempre vinto sulla pista toscana; ciò significa che ama molto questo tracciato e lo conosce bene.
    4. Stoner mi sembra molto maturo: chiaro che non dece aver gradito essere superato nel finale e perso un podio utile; ma mantiene ancora un buon margine (+9) su Vale.

    Appena rientro del pc, aggiorno i dati della (nostra) gara; ma con Casey davanti a Hopkins credo di aver messo altro fieno in cascina 🙂

  2. Sraddino ha detto:

    Maledetto!!!
    😛

  3. Dadi ha detto:

    Veloce veloce: Ducati ha 304 punti mentre la Suzuki (in cima c’è ancora Vermuelen e non Hopkins nella classifica della MotoGP) 264; ovvero “il meledetto” ha adesso ben 40 punti avanti 😛
    Vamos a Cataluña.

  4. Sraddino ha detto:

    Era meglio se non ci andavamo a Barça….

  5. Dadi ha detto:

    Clar que si, germà 🙂

  6. Sraddino ha detto:

    Maledetto Stoner ancora una volta 😀 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...