giselle_bu-03.jpg

Una delle modelle più belle e pagate al mondo, la brasiliana Gisele Bundchen, sta determinando le ‘positive’ sorti dei marchi da lei reclamizzati.

Sono tanti i parametri che un ufficio marketing di un’azienda deve tenere in debita considerazione al momento che si fa prestare la faccia (e spesso anche tutto il resto) da qualche testimonial. Anche perché il costo, soprattutto con personaggi affermati, spesso non è banale.
Ma la giunonica regina delle passarelle mondiali non ha rivali al riguardo: i dati di crescita derivano direttamente da Wall Street.
Infatti una campagna pubblicitaria che ha la supermodella brasiliana come protagonista sembra garantire un sicuro successo ai titoli delle compagnie.

Un dato? le società dove la Bundchen ha un contratto di sponsorizzazione sono cresciute in media del 15% (con punte anche del 30%) solo negli ultimi 3 mesi, mentre il Dow Jones (il più noto indice della borsa di New York, il NYSE) ha avuto un rialzo solo dell’8%.

Tanto che c’è chi avrebbe deciso di costituire uno specifico indice, il «Gisele Bundchen Stock Index», con un paniere creato dall’economista americano Fred Fuld, molto noto nell’ambiente finanziario, che include i titoli delle società che hanno scelto come testimonial la brasiliana.

Badate bene, la strepitosa modella si fa pagare profumatamente e bisogna potersela permettere (rumors nell’ambiente parlano di 2 milioni di dollari a contratto); da ciò la prima vera fortuna è stata per lei, che avrebbe accumulato un patrimonio che si aggira (secondo la rivista americana Forbes) intorno a 33 milioni di dollari (25 milioni di euro) nel 2006.

gb_2157329790098979063sshwrd_fs.jpg  Tra le società che l’hanno presa a modella (scusate il gioco di parole), ci sono la Nivea (del gruppo tedesco Beiersdorf), che ha raddoppiato le proprie vendite in Brasile grazie agli spot della Bundchen, e la Limited Brands (la holding della più famosa Victoria’s Secret, che produce lingerie e intimo); la C&A, compagnia di abbigliamento brasiliana, da quando si è affidata a lei per le proprie campagne pubblicitarie ha visto aumentare il giro d’affari del 30%. La stessa Apple ha affidato il suo spot “Get a Mac” alla bella carioca, con positivi effetti del titolo già da diversi mesi.

gisellebundchen1.jpg   Gisele Caroline Nonnenmacher Bündchen è nata il 20 luglio 1980 a Horizontina nello Stato di Rio Grande do Sul in Brasile; pesa 57 kg, è alta poco meno di 1 metro e ottanta e le sue curve, i suoi capelli chiari, i suoi occhi azzurri e il viso difficilmente la fanno passare per brasiliana, per lo meno secondo il nostro abituale stereotipo.
E’ stata fidanzata per circa 4 anni con il divo di Hollywood, Leonardo di Caprio.

giselle_bu-16.jpg

Accattivante il suo sito web (see here), con un sottofondo di samba che richiama … Gisele.

gisele_bundchen.jpg   Non ci fate neppure un pensiero. Mi sa che costa un boato anche solo immaginarla 😛

Annunci
commenti
  1. mimmo ha detto:

    cavolo gente!!! 2 mln di $ è più di quanto una piccola-media azienda guadagna in italia. così se la possono permetteere in pochi

  2. ChiamamiAquila ha detto:

    Ke fatissima. Debbo andare di corsa in Brasile, l’ho sempre detto 😉

  3. sandrino ha detto:

    Il tam-tam già corre sul web. Come la Hazel, pure questa modella era quasi sconosciuta… 🙂

  4. fab75 ha detto:

    E si sa … certe cose non hanno bisogno di tanta pubblicità per spandersi a macchia d’olio 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...