Motomondiale 2007 a BRNO: dove i c…echi ci vedono bene

Pubblicato: 14 agosto 2007 da Dadi in Beppe Grillo, Citazioni, Coppa America, Friend, Inchieste, Internazionale, Motociclismo, MotoGP, Motomondiale, Motori, Repubblica, Spettacolo, Sport, Technology, Telecomunicazioni, Televisione, Velocità

mgp_brno.jpgAnche se nel periodo estivo andiamo a scartamento ridotto, non potevo esimermi dal canonico appuntamento pre-corsa in occasione del prossimo gran premio del motomondiale di scena nella Repubblica Ceca sul circuito di Brno.

Il circuito sorge vicino alla omonima città Brno, in tedesco Brünn e in italiano veniva chiamata anche Bruna (fonte wikipedia), che è seconda solo alla capitale Praga, con quasi 400 mila abitanti.
Il tracciato è di quelli storici, come molti tipici del nord-est Europa. Nasce negli anni ’20 e misurava originariamente 29,142 chilometri sviluppato su percorsi cittadini e aperto a competizioni automobilistiche.
Soltanto negli anni ’50 (dopo che era stato accorciato di 11 km) si vedono competizioni motociclistiche. Ma non ammesse al mondiale. Almeno fino al 1965, anno in cui la MV Augusta inaugurò la prima gara ufficiale con una doppietta con i piloti Mike Hailwood e Giacomo Agostini.
Nel 1975 è stato ancora ristrutturato, portando la lunghezza complessiva a 10.900 metri, ma ancora le rigide regole sulla sicurezza permisero l’utilizzo solo per classi minori. Fino al 1986, quando venne inaugurato, finalmente, l’attuale tracciato di 5.403 metri.
E’ una pista lenta e articolata con ben 14 curve di vario raggio e tipologia (8 a destra e 6 a sinistra) e il rettilineo più lungo di soli 636 metri, tale che le velocità massime riescono a superare di poco i 280 km/h. Inoltre una varietà di sali e scendi completano uno scenario molto complesso per piloti e ingegneri, obbligandoli alla perfezione.

Viene percorso 22 volte dalla classe regina, 20 dalle quarto di litro e 19 volte dalle 125cc.

Il tracciato è denominato ufficialmente Circuito di Masaryk dal nome del primo presidente della nazione, Tomás Masaryk. 

La pista di Brno ha portato molto bene in SuperBike agli scudieri della Honda (Toseland ha consolidato il suo primato e a 4 gran premi alla conclusione ha più di 60 punti di vantaggio sul primo inseguitore) e soprattutto della Suzuki, con il romano Max Biaggi che ha fatto quasi bottino pieno.
E’ invece andata male ai piloti Yamaha e Ducati.

Quanto capitato il 22 luglio scorso è cabalisticamente ripetibile anche in MotoGP?
Valentino Rossi inciamperà nel degrado delle sue gomme alla pari di Haga; e Casey Stoner finirà lungo come il suo anziano connazionale Bayliss? Per la gioia del mio amico Sraddino?

Chiaro che nel motomondiale i pneumatici ci hanno fatto capire la loro grande importanza e come riescano a offrire gran feeling oppure panico da “camminare sulle uova” a seconda dei casi. Non c’è la mono marca come nei cuginetti di SBK.

Mancano 7 GP e gli avversari della Ducati, in primis il Dottor Rossi, si debbono dare una svegliata. Perdere ulteriore terreno può voler dire offrire di fatto su un piatto d’argento il Titolo Piloti al giovane Casey con largo anticipo. Con una cinquantina di punti di vantaggio, non dovrebbe più rischiare l’australiano e potrebbe accontentarsi anche di quarti e quinti posti, mentre per gli altri ci sarebbe la necessità della vittoria sempre. Sicuramente uscirebbe di scena definitivamente Dani Pedrosa che, pur se distante 66 punti dalla vetta, ancora tiene viva la fiammella della speranza.
Oggi, invece, per quanto difficile, è ancora possibile una rimonta: se Rossi vincesse sempre da qui alla fine del campionato dovrebbe confidare che l’avversario non vada più di 4 volte sul secondo gradino del podio e avrebbe la matematica vittoria. Ma se il ducatista dovesse, invece, vincere oppure arrivare davanti al pesarese a Brno i suoi calcoli si farebbero ben più elaborati: già più di 6 punti a gara da riprendere sono tanti, ma recuperare a quel punto circa 8 punti diventerebbe impresa improba.
In più il campione di Tavuglia deve dare il 150%: per lottare contro il pilota australiano in pista e lottare contro la tempesta mentale che gli dovrà inevitabilmente affollare la testa, con le pesanti vicende fiscali che lo vedono coinvolto. Solo un suo rotondo risultato  (magari con un pessimo punteggio di Stoner) gli potrebbero restituire una qualche felicità/serenità e offrire a noi telespettatori un finale di mondiale incandescente.

Nelle altre classi, la situazione è ancora incerta nella 250 c.c. che vede sicuramente lo spagnolo Jorge Lorenzo sull’Aprilia favorito con 191 punti, ma anche tallonato da vicino da Alex de Angelis (sempre su Aprilia) a soli 20 punti di distanza e da Andrea Dovizioso (Honda) a 25 punti dal leader. Mentre la 125cc sembra questione limitata tra Talmacsi e Faubel; i due sono distanti solo 2 punti l’uno dall’altro, mentre il terzo (T. Koyama) ha 118 punti ma lontano 38 punti dal vertice.

Il programma gare:

venerdì 17 agosto:  ore 13,05 – 13,35  primo turno di qualifiche classe 125cc
                                  ore 15,05 – 15,50  primo turno di qualifiche classe 250cc

sabato 18 agosto:    ore 13,05 – 13,35  secondo turno di qualifiche classe 125cc
                                  ore 13,50 – 14,50  turno di qualifiche ufficiali MotoGP
                                  ore 15,05 – 15,50  secondo turno di qualifiche classe 250cc

domenica 19 agosto:   ore 11,00  gara classe 125cc
                                      ore 12,15  gara classe 250cc
                                      ore 14,00  gara classe MotoGP

Appuntamento sui vari canali satellitari per la diretta e con l’incommensurabile (più comico che tecnico) Guido Meda su Italia1.

Annunci
commenti
  1. Dadi ha detto:

    E’ di poco fa’: Loris Capirossi ha firmato per la Suzuki con cui correrà il mondiale MotoGP nel 2008 (con ipotesi di estensione di un altro anno).
    Ciao grande CAPIREX 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...