DS e Margherita sono vuoto a perdere?

Pubblicato: 14 ottobre 2007 da Dadi in Italia, Notizie, Politica, Sinistra, Walter Veltroni

Finalmente ci siamo. Il gran giorno è arrivato. Le grandi primarie per la nomina del nuovo segretario nazionale del Partito Democratico.Le primarie a cui tutto l’elettorato DS e Margherita è chiamato a raccolta.

Qualche dubbio sulla utilità di questo richiamo l’ho già espresso.

Formalmente i candidati sono Walter Veltroni, ancora (speriamo per poco) sindaco di Roma, il ministro Rosy Bindi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta, il giornalista-blogger Mario Adinolfi e l’economista Piergiorgio Gawronski.

Gli oltre 11mila seggi del PD sono aperti dalle 7 alle 20 in 7.000 Comuni, grazie a una rete di circa 70mila volontari.

Una macchina immensa, che mi fa’ apparire la cosa alquanto inutile, stante la vittoria scontata del sindaco di Roma, non solo per i sondaggi, ma per il peso e le attenzioni che si è dato al 55nne romano: penso di non dire un’eresia se affermo che questi sarà apparso in televisione, intervistato dai media, dichiarato i suoi intenti e programmi almeno 10 volte in più del ministro della Famiglia, 20 volte più di Letta (che si è dovuto inventare una questione con Grillo per avere un pizzico di visibilità) e qualcosa vicino all’infinito in rapporto a tutti gli altri, di cui forse avrò sentito una o due volte la loro voce e poco più ne ho visto la faccia (ma quanti incontrando per strada Gawronski lo riconoscerebbe?).

In realtà facendo coincidere questo momento con l’atto di fondazione del nuovo partito, in questa giornata si avrà anche l’elezione dei segretari regionali e dell’assemblea costituente. Unica vera ragione di una così grossa mobilitazione elettorale.

Si dice che questo nuovo Partito Democratico nasce libero dal passato. In un futuro nel quale ci sono già tante incertezze, emerse prima ancora del vagito. Si parla di grande partito unico del centro-sinistra, ma avranno la maggioranza assoluta? In più Fassino e Rutelli sono rimasti alla finestra in queste primarie. Ma che ruolo avranno nel super partito? Si creeranno delle sinergie tra i militanti ex-PCI ancora per poche ore DS e gli ex-democristiani della Margherita in questa nuova realtà politica?

DS e margherita spariscono sulla carta ma opereranno de facto?

Annunci
commenti
  1. simone ha detto:

    Giusta la tua riflessione: si é trattato di elezioni vuote volute da un neo- partito che ha già da tempo la sua leadership (stabilita a tavolino dai vari Fassini, D’ Alema, Bersani, etc.) e che é ora in cerca di una legittimazione popolare.
    Una legittimazione che non avviene sui programmi (qualcuno ha capito che idee hanno, che intenzioni??) ma su questa falsamente libera possibilità concessa al popolo del centrosinistra di scegliersi il futuro capo.
    Formidabile a tal proposito é il titolo in prima pagina che apriva l’ edizione de “Il Giornale” di ieri: foto di Veltroni con divisa da calciatore e a fianco la scritta..”Ti piace vincere facile?”..bellissimo!!

  2. Dadi ha detto:

    “Ti piace vincere facile?” fantastico!!!!
    E io che mi ero autoeccitato dal bel titolo del mio articolo 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...