Per i delitti di Garlasco e di Cogne chiamate l’egittologo

Pubblicato: 23 ottobre 2007 da ChiamamiAquila in Cultura, Inchieste, Notizie, Storia

tutankhamon.jpgFra qualche giorno si aprirà una grande mostra a Londra sul faraone più discusso e citato d’Egitto: Tutankhamon, re della XVIII dinastia.

Anticipando qualche giorno tale evento, stasera su Channel Five (un omologo della ns. rete del gruppo Fininvest? 🙂 ) in Inghilterra verrà trasmesso un documentario proprio su King Tut, dal titolo “Tutankhamun: Secrets of the Boy King“.

Come molti sapranno (;-)), il faraone morì all’età di soli 19 anni nel 1323 a.C. Dalla scoperta della sua tomba, ritrovata nella Valle dei Re e apertura del sarcofago, avvenuta nel 1922, molti studi sono stati eseguiti per comprendere la vita e le ragioni del decesso (gli affari vostri no?).
A seguito di esami ai raggi X, alla fine degli anni ’60, fu trovato un rigonfiamento al cranio che portò all’ipotesi che fosse morto a seguito delle ferite inflittegli o in battaglia oppure per un complotto di palazzo, idea molto apprezzata proprio per il posizionamento del trauma.

Ma questo ultimo documentario porta a una rivelazione ‘sconvolgente’. Lo so: non state più nella pelle.

L’archeologo Zahi Hawass, direttore generale delle antichità in Egitto, è sicuro che il faraone-ragazzo morì a seguito di un incidente di caccia.
Ma spiega pure come ci è arrivato. Infatti in un’intervista l’eminente studioso egiziano dichiara: “Non fu ucciso come molti hanno pensato. Ha avuto un incidente mentre cacciava nel deserto. Una caduta dal carro gli provocò la frattura della gamba sinistra e a mio avviso è all’origine della morte“.
Grazie al progresso tecnologico e all’uso di strumenti più evoluti, sono stati eseguiti alcuni esami con lo scanner che rivelerebbero una brutta frattura all’arto, che sarebbe sfociata in un’infezione letale.
Ma non basta; altri fatti comproverebbero la verità: si sa che gli antichi abitanti dell’Egitto credessero nella reincarnazione e che adornavano la tomba di tutti i monili, gli strumenti e gli accessori che erano stati cari al defunto; il ritrovamento, nella spendida tomba di Tutankhamon, di carri ne è la dimostrazione: non avevano finalità solo cerimoniale (teoria pensata finora) ma proprio per permettere al faraone di praticare la caccia anche nell’aldilà; così come centinaia di frecce anch’esse disseminate nel sepolcro; e un corpetto protegi stomaco usato dal re in quanto pare fosse di costituzione fragile, ma non di meno amasse correre come un pazzo con il suo potente carro (in grado di toccare anche 40 all’ora).
Da ultimo i tempi: il faraone (pare accertato) morì tra dicembre e gennaio, in piena stagione invernale di caccia. Se non sono certezze queste!!

L’origine di questo mio post è per stupirmi della facilità con la quale vengano perpetrate certe indagine e l’emissione di verdetti sulla base di elementi alquanto labili.
Ma come si fa’?
E’ pensabile avere cotante verità su un fatto di 3330 anni or sono? Guardare uno scheletro, passarlo sotto qualche macchinario, annusare due fiori rinseccoliti e dire con certezza “E’ COSI'”?

Dico io: che il RIS di Parma assuma immediatamente il prof. Hawass.
Loro (i Carabinieri) spesso non riescono a ricostruire neppure verità vecchie di pochi giorni.

Annunci
commenti
  1. sandrino ha detto:

    dubito… ma anke loro debbono guadagnare la pagnotta!!!

  2. Sraddino ha detto:

    Aquila il tuo “Come molti sapranno” che precede tutta la storia del faraone mi ha fatto ammazzare!!!

    Cmq giudicare persone morte secoli e secoli fa è un po’ diverso dal dover incolpare qualcuno in carne e ossa che è (in alcuni casi aggiungerei anche un bell’ “ahimé”) in grado di difendersi con l’ausilio del fior fiore degli avvocati…

    Non credo che Tutankhamon possa smentire, mentre la Franzoni & Co. … lo hanno fatto … eccòme se lo hanno fatto!

  3. ChiamamiAquila ha detto:

    Anche questo è tristemente vero…
    Per quanto sarebbe una trovata grandiosa: l’Avv. Taormina si appella contro le circostanziali per il faraone e chiama la legittima suspiciosa (non so cosa sto dicendo 🙂 ).

  4. Sraddino ha detto:

    Io sai che penso? Che al RIS il loro lavoro lo fanno e pure bene, però poi qualcuno non vuole che alcune cose girino e……. 😦

    C’est l’Italie!

  5. iBronzi ha detto:

    FORZA: chiamiamo in causa il solito qualunquismo che gli sbirri mettono in galera e i giudici (la legge) li fanno ritornare per strada…
    Purtroppo è vero!!!!!!!!!!!
    E non l’ho mandato a dire nel mio post sulla mafia!

  6. Sraddino ha detto:

    No iBronzi, non mi riferivo ai giudici ma a “poteri” più in alto sia nella politica che non.

  7. iBronzi ha detto:

    Sì lo immaginavo. Io infatti non ce l’ho neppure verso i giudici che non possono fare altro che applicare le leggi. Ma le leggi (in Italia) sono fatte in modo tale che la certezza della pena non esiste. Ricordo un film (neanche tra i più eccezionali) di Sordi che impersonava un magistrato che (stile Di Pietro, il periodo era quello di tangentopoli) va fuori di melone e comincia a fare un casino. Bella una sua frase: “Se la giustizia non è uguale per tutti, che lo sia almeno l’ingiustizia”.

  8. Sraddino ha detto:

    Per non dimenticare, sempre Sordi, che si fa giustizia da sé in “Un borghese piccolo piccolo” … un capolavoro!

    Forse sarà questa la soluzione chissà ….

  9. ChiamamiAquila ha detto:

    Potrebbe essere l’unica…

  10. Dadi ha detto:

    Non scherziamo: bisogna migliorarlo sto mondo mica peggiorarlo!!!!

  11. Sraddino ha detto:

    Ma si dai, era solo una provocazione….
    Nessuno di noi, persone per bene, riuscirebbe mai in qualcosa del genere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...