IKEA e l’ambiente: aggiornamento

Pubblicato: 30 novembre 2007 da Dadi in Ambiente, Italia, Natura
Tag:

Mi ha molto colpito il post di Sraddino sull’atteggiamento di IKEA verso l’ambiente. Sfruttare le feste natalizie per dare lustro all’azienda ma – comunque – con un occhio ecologistico è certamente un’iniziativa da plaudire.

Purtroppo ( 😉 ) il mio spirito inquirente, mi ha spinto a volerne sapere di più.
Allora vado sul sito indicato dall’amico e noto i referenti del progetto, per parte “Io sono vivo” e per le relazioni esterne di IKEA.

Il giorno stesso del post, mando un’email ai due, che riporto integralmente:

From: kennedy84admin@gmail.com
To: info@butterflyarc.it, rpit@memo.ikea.com
Date: Wed, 28 Nov 2007 11:07:17 +0100
Subject: Amici della terra – Io sono vivo

Gentili Signori,
abbiamo lodato sul ns. blog l’iniziativa “io sono vivo”, al sito
https://kennedy84hastalagiobbasiempre.wordpress.com/2007/11/28/io-sono-vivo-interessante-iniziativa-ikea/.
Ci piacerebbe avere maggiori informazioni al riguardo, di modo che riusciamo meglio a comprendere e spiegare i contorni dell’operazione.
Anche perché il rischio che “a pensare male si faccia peccato, ma non si sbaglia” è forte; e noi non vorremmo essere tra quelli.
Cordialmente,
L’amministratore

A seguito di questa, oggi ricevo la risposta da parte del gentilissimo Riccardo Giordano, referente italiano per l’ambiente di IKEA, che chiarisce l’operato del colosso svedese.
Ringrazio pubblicamente IKEA e il dr. Giordano per la sollecitudine con la quale ci hanno aggiornati.

— Received from IKEA6.ECOS .                               07-11-30 13.27

Gentile amministratore,
purtroppo il comunicato stampa IKEA citato è del 2002: da qualche anno il progetto legato agli alberi di Natale non è più chiamato “io sono vivo” ma “mettiamo radici insieme”. Questo perchè gli alberi restituiti dai nostri clienti saranno destinati a compostaggio e non, come è avvenuto fino all’anno 2003, inviati a ripiantumazione.

Nel 2003 infatti gli alberi restituiti dai nostri clienti dopo il periodo natalizio e giudicati in buona salute furono portati in un parco nel comune di Bordano (UD) dove furono rimessi a dimora. Purtroppo, nonostante l’attività di ripiantumazione fosse stata condotta col supporto di un’associazione ambientalista e di un gruppo di tecnici forestali, il risultato si rivelò insoddisfacente per IKEA in quanto la percentuale di piante in grado di sopravvivere nel tempo fu al di sotto delle nostre aspettative. Anche a detta degli stessi tecnici, la causa principale era l’eccessivo stress subito dagli alberi e in particolare lo shock termico causato dal passaggio dai luoghi all’aperto alle case dei clienti.

Abbiamo quindi deciso di abbandonare l’idea della ripiantumazione e orientarci verso il compostaggio, la forma di recupero più idonea per le nostre piante, poichè permette al materiale organico di cui sono fatte di ritornare alla natura.

Tuttavia, per non rinunciare a dare il nostro contributo a favore dell’ambiente, abbiamo comunque deciso di donare 3€ per ogni albero restituito per finanziare progetti di riqualificazione ambientale e forestale, oltre a dare un buono acquisto del valore dell’albero al cliente. In particolare, quest’anno, l’offerta sarà devoluta al Parco Nazionale del Gargano, particolarmente colpito quest’estate da incendi. Abbiamo rivolto la nostra attenzione al problema degli incendi boschivi perchè come noto comportano gravissimi danni ambientali e sociali, come lo sconvolgimento del paesaggio naturale, il degrado di habitat essenziali alla sopravvivenza della fauna e la distruzione della vegetazione erbacea, arbustiva ed arborea con la conseguente erosione del suolo cui frequentemente si associano frane e cadute di sassi.

Una nota sui nostri alberi di Natale: costano 9.99€ e vengono coltivati appositamente per diventare tali. Le piante, provenienti dall’Olanda, sono coltivate in sabbia proprio per agevolare la rimozione e il successivo trasporto dal Paese di origine ai mercati in cui vengono venduti.
In IKEA inoltre controlliamo attentamente e periodicamente ogni fornitore in ogni parte del mondo, per verificare che siano garantiti precisi requisiti di gestione ambientale e sociale, incluso il non utilizzo di lavoro minorile.

Spero con questo breve messaggio di avervi fornito tutte le informazioni di vostro interesse. Rimango comunque a disposizione per ulteriori chiarimenti o approfondimenti e cordialmente saluto.
Riccardo Giordano
Environmental Coordinator Italy

IKEA ITALIA RETAIL SRL
STRADA PROVINCIALE 208 N.3
20061 CARUGATE, MI

A voi tutti le analisi del caso.

Annunci
commenti
  1. Sraddino ha detto:

    Ah però!!!
    Cmq quanto meno direi che è stato corretto, chiaro e disponibilissimo!

    Chiedo venia per l’errata notizia … 🙂

  2. Dadi ha detto:

    “Errata notizia”? da qualsiasi spunto è possibile poi ritrovare la ‘buona situazione’.
    Se non avessi lanciato il sasso non avremmo saputo il resto.
    Bravo sempre e comunque 😉

  3. Sraddino ha detto:

    Grazie grazie 😉 tu si che mi capisci Dadi 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...