New York: «Turisti gay cercasi» – Il Corriere della Sera

Pubblicato: 5 dicembre 2007 da emiliano66 in Inchieste, Mondo, Stati Uniti

OBIETTIVO: PORTARE 50 MILIONI DI VISITATORI ENTRO IL 2015. Spot, inserzioni e 30 milioni di dollari già stanziati dal sindaco Bloomberg. «Sono ricchi e spendaccioni»

NEW YORK – «Turisti gay cercasi». Non è una battuta: per la prima volta nella storia, la città di New York ha deciso di corteggiare attivamente i gay e le lesbiche, per convincerli a trascorrere una vacanza nella Grande Mela. Lo rivela alla stampa Usa un portavoce dell’amministrazione Bloomberg, secondo cui il comune di New York prevede di spendere 30 milioni di dollari per attrarre i gay di oltre 20 nazioni sulle rive dell’Hudson. «Contiamo di portare 50 milioni di visitatori nella Big Apple entro il 2015», spiega il portavoce, «i gay sono uno dei gruppi più importanti».

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA – E infatti la NYC & Company, l’agenzia turistica della città, ha già pubblicato un’inserzione di tre pagine sul prossimo numero della rivista gay «Out». Spot pubblicitari appariranno presto su «Logo», il network nazionale via cavo che trasmette programmi per lesbiche e gay 24 ore su 24. E se non bastasse i siti web gay, bisessuali e transgender presto saranno inondati di pubblicità che invitano ad approfittare degli speciali sconti offerti ai gay a San Valentino dai più leggendari ristoranti e alberghi di New York. Come mai questo improvviso interesse per i gay? «Oltre ad essere un segmento demografico in enorme espansione, i gay sono statisticamente più ricchi, sofisticati e spendaccioni», replica un funzionario del comune. «In altre parole: sono i clienti ideali per la nostra industria del turismo. In ripresa dopo la crisi dell’11 settembre».

L’INIZIATIVA – In una città dove persino l’ex sindaco conservatore e repubblicano Rudy Giuliani vantava politiche pro-gay, esistono centinaia di locali, spettacoli teatrali, gallerie d’arte, ristoranti e boutique disegnati per attrarre soprattutto un pubblico gay. Come dimostra il sito http://nycvisit.com/content/index.cfm?pagePkey=168. «Il nostro messaggio è chiaro – spiega Christine Quinn, la prima portavoce del Comune apertamente gay -. Questa è New York ed è una città per tutti, dalle famiglie, ai singoli, alle coppie gay».
L’unico neo dell’iniziativa? «Essere arrivata tardi – replica la Quinn – Un’omissione che ha ovviamente danneggiato la nostra città. Perché il turismo porta soldi, idee e cultura. Quindi lavoreremo molto sodo per correggere questa lacuna».

Annunci
commenti
  1. Dadi ha detto:

    Ci vedo poco di ‘moderno’ e ‘rivoluzionario’ in questa iniziativa. Ma un mero e puro strumento commerciale, anche alquanto squallido.
    Forse alle comunità omosessuali, in cerca disperato di consenso mediatico e sociale, questo non darà il minimo fastidio.
    Però è triste cadere nell’opera di distinguo tra un soggetto e l’altro per vil denaro.

  2. emiliano66 ha detto:

    Magari se organizziamo un viaggio a NY con la stessa struttura dell’INTERRAIL in Scandinavia (ovvero 7 Uomini 7) riusciamo a conquistare qualche sconto e poi il bello arriva per il sorteggio delle camere 🙂

  3. Dadi ha detto:

    Ahhh, ma a me ‘mporta poco: sono come il divin poeta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...