Non ci resta che… ridere

Pubblicato: 10 dicembre 2007 da Dadi in Cinema, Classici, Comicità, Commedia, Cult, Spettacolo, Video

Tra i grandissimi film non poteva mancare la citazione alla coppia Roberto Benigni-Massimo Troisi nel film “Non ci resta che piangere“.

Ma che difficoltà. Non è stato mica facile.
C’era la scena della lettera al santissimo Savonarola (mitica), quella in chiesa dove Troisi (non si sa come) riesce a rimorchiare la bella Pia (Amanda Sandrelli), oppure quella della palla che bisogna provare, provare, provareprovareprovare, anche 2 o 3 volte, o anche, sempre nel flirt di Troisi alla Sandrelli, in cui il comico-poeta napoletano canta Yesterday; poi c’era la spiegazione della scopa a Leonardo da Vinci (oh, ma è tuosto!), le invenzioni da replicare nel passato (chi saprebbe rifare una lampadina o un gabinetto?), i “fermatori di Cristoforo Colombo”,  …

Il film è stata una vera fucina di trovate, battute e situazioni grottesche ed esilaranti.

Non è facile, nossignore. E allora ho ripiegato sulla più canonica, famosa e divertente delle scene del film.

PS: quando ho visto la citazione di Aquila sul precedente post “midomi” volevo morire. E che cavolo: m’ha rovinato l’entrata scenica 😉

Annunci
commenti
  1. Sraddino ha detto:

    Io avrei una sola domanda per lor signori: “Ma 9 X 9 farà 81”??? 😀

  2. UMI ha detto:

    Ricordati che devi moriree, ricordati che devi moriree … sì sì, mo me lo segno 🙂 grande film lo so quasi a memoria 🙂

  3. iBronzi ha detto:

    L’unicità e la grandiosità del film sta nell’aver associato la comicità toscana, tipica nell’epoca (con i vari Nuti, Virzì e Benvenuti, fino a giungere a Pieraccioni e Panariello), capeggiata da un incommensurabile Benigni (mai così spettacolare come nel duetto con Troisi), all’istrione e gigante comico-poeta-filosofo partenopeo.
    In più non è dato sapere chi è spalla di chi. Nei memorabili film di Toto e Peppino era comunque chiaro che il principe de Curtis fosse la prima donna e De Filippo un comprimario, per quanto di assoluta grandezza.
    Tra Roberto e Massimo c’è un tourbillon continuo nel quale, ora l’uno poi l’altro, Massimo e Roberto si scambiano i ruoli di punto di attrazione. Quasi una gara.
    E così non c’è scena che non risulti divertente ed esilarante: pensate che sono riusciti a far ridere davanti a un passaggio a livello… 😀

  4. ChiamamiAquila ha detto:

    DADI: SEI VENUTO DOPO! 6 tu ke hai copiato me, nn viceversa 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...