La cronaca del GP di F1 in Bahrain 2008

Pubblicato: 6 aprile 2008 da Dadi in Formula 1, Motori, Sport
Tag:, , , , ,

Ripreso dal post del solito (e puntuale) marcotheavalanche, da Passione Motori:

A Sakhir la sorpresa arriva dal polacco Robert Kubica nelle qualifiche: il pilota della BMW-Sauber conquista infatti la pole position fermando i cronometri sul tempo di 1′33″096.
In tutte le precedenti sessioni di prove, il miglior tempo era sempre andato a Felipe Massa. Il brasiliano della Ferrari è comunque in prima fila, col secondo riscontro cronometrico: 1′33″123.
Terzo tempo per la McLaren di Lewis Hamilton: 1′33″292, davanti a Kimi Räikkönen con l’altra Ferrari (1′33″418) e all’altro finlandese Kovalainen con l’altra McLaren (1′33″488).
Heidfeld, con l’altra BMW-Sauber, chiude col sesto tempo (1′33″737). Dietro il pilota tedesco si piazzano la Toyota di Jarno Trulli (1′33″994), Nico Rosberg con la Williams-Toyota (1′34″015).
Quinta fila per Button (9° con la Honda, 1′35″027) e per Fernando Alonso con la Renault (1′35″115).
Non riescono ad accedere alla Q3 Mark Webber con la Red Bull (per soli 9/1000), Barrichello (Honda), Glock (Toyota), Nelsinho Piquet (Renault), Bourdais (Toro Rosso) e Nakajima (Williams-Toyota).
Eliminati in Q1 Coulthard su Red Bull, Fisichella (Force India), Vettel (Toro Rosso), Sutil (con l’altra Force India) e le due Super Aguri di Davidson e Sato-san, quest’ultimo autore di un errore a 4′49 dalla fine delle prove che ha comportato l’interruzione della sessione.

La gara. Pessima partenza di Hamilton, che viene scartato da Kovalainen e si trova al decimo posto. Massa passa Kubica alla prima curva, e Räikkönen supera Kovalainen conquistando il terzo posto. Vettel si ritira.
Hamilton supera Webber, ma tentando di passare Alonso perde l’alettone anteriore. Heidfeld passa Trulli. C’è olio sulla pista, Piquetinho ne fa le spese.
Kubica viene passato da Räikkönen al secondo giro: in questo momento le Ferrari sono in testa, con Felipe davanti a Kimi. Heidfeld passa anche Kovalainen, e raggiunge la quarta posizione. Hamilton va ai box a cambiare musetto, ed al rientro è diciottesimo.
Massa tenta subito di fare l’andatura, con il giro più veloce al quarto giro. Kubica risponde ai ferraristi. Ma Räikkönen cerca di allungare, per merito della sua migliore velocità di punta. Felipe e Kimi si strappano il giro più veloce a vicenda, ed all’ottavo giro iniziano i doppiaggi (Sutil).
Nelle retrovie, Piquetinho passa Bourdais, mentre l’unica lotta degna di questo nome è quella tra Barrichello e Fisichella. Yawn.
13° giro: Massa allunga, firmando un altro giro più veloce. Ma Räikkönen risponde il giro successivo.
Al 17° giro Kubica inaugura la sagra dei pit stop, e qui tutti capiscono il perché della sua pole. Rientra al nono posto, facendo pure un’escursione. Gomme fredde. Rosberg va ai box nelo stesso giro. Button e Coulthard si tamponano, e l’inglese della Honda perde l’alettone. Massa sopraggiunge, evitando molti detriti: scampato pericolo per il ferrarista. Ritiro per Button.
Räikkönen anticipa la sosta (20° giro), e rientrano anche Trulli ed Alonso. Massa ed Heidfeld il giro dopo. Il brasiliano rientra in testa, davanti al compagno di squadra.
La gara entra nella solita fase di noia di metà gara, che quest’oggi, complice anche l’orario, crediamo sarà stata foriera di numerose pennichelle post-prandiali.
A tentare di ravvivarla è Giancarlo Fisichella, che con la sua Force India (una Spyker dell’anno scorso, in pratica) tiene dietro per diversi giri la Mclaren di Lewis Hamilton. Passerà solo al 31° giro, tra l’altro di velocità sul rettilineo.
Hamilton si ferma per la sua ultima sosta a 25 giri dalla fine. Viene doppiato da Massa, in questo momento davanti a Räikkönen, con Kubica terzo davanti ad Heidfeld. Kovalainen quinto, Trulli sesto davanti a Webber e Rosberg.
Al trentacinquesimo giro Räikkönen ottiene il giro più veloce, e lancia la sfida a Felipe Massa. I due riprendono la lotta a colpi di giri più veloci. Piquetinho ha un problema. Si ritirerà poco dopo. Problemi al cambio. Räikkönen si ferma a 19 giri dalla fine per la sua ultima sosta, un giro dopo è la volta di Massa. Il brasiliano rientra davanti al finlandese, ed incrementa il suo vantaggio a circa 5″5.
I pit stop si susseguono senza emozioni: Rosberg, Kubica, Coulthard, Trulli, Heidfeld (Kubica gli resta lo stesso davanti), Kovalainen.
Negli ultimi giri c’è da segnalare il giro più veloce di Heidfeld, poi battuto da Kovalainen. Kubica “dà la sveglia” a Räikkönen a 7 giri dal termine, portandosi a 3″ dal finlandese. Massa gestisce il suo vantaggio fino alla bandiera a scacchi.

L’ordine d’arrivo è quello di metà gara: vince Massa davanti a Räikkönen, terzo Kubica. Quarto Heidfeld, Kovalainen quinto, Trulli sesto e Webber e Rosberg a chiudere i punti.

Classifica piloti: Räikkönen guadagna la testa del mondiale piloti, con 19 punti. Heidfeld secondo con 16, Kubica, Kovalainen ed Hamilton sono terzi a pari punti (14). Massa fa i suoi primi 10 punti, ed è sesto.

Nel mondiale costruttori c’è la BMW-Sauber in testa, con 30 punti, uno in più della Ferrari e due in più della McLaren. Williams quarta, con dieci punti.

Prossima gara il 27 aprile a Barcellona.
A rileggerci su queste pagine!

Fonte: GP Bahrein 2008, la cronaca essenziale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...