La città senza lucciole

Pubblicato: 26 settembre 2008 da ChiamamiAquila in Comune Roma, Legge, Notizie, Polizia
Tag:, ,

Mi diceva mia nonna che quando ci sono le lucciole di sera vuol dire che non c’è inquinamento, e cioé che l’aria è pura.

La ministra Gelmini (mi pare sia lei, aiuto!) e a ruota il sindaco di Roma, Alemanno, si sono prodigati per attuare alcune disposizioni per rendere difficile la vita a bordo strada dell’habitat notturno.
Così non è più possibile (o molto oneroso) per le prostitute esporre la propria mercanzia ai viandanti.

Gli effetti li ho già notati sulla maggior parte delle strade romane, notoriamente punto di passeggio: non ci sono più donnine in abbigliamento succinto a offrire un po’ d’amore agli stanchi automobilisti per poche decine di euro.

Allora – parafrasando mia nonna – è proprio vero che nelle città lo smog allontana le lucciole.

Annunci
commenti
  1. Dadi ha detto:

    La vignetta è una forza: può essere un sistema per continuare senza rischi 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...