Posts contrassegnato dai tag ‘finanziamento pubblico dei partiti’


ANZICHÉ liberarci del fardello del finanziamento pubblico, anche per rispetto dell’opinione pubblica dopo gli scandali delle appropriazioni indebite emerse nelle inchieste su Luigi Lusi, tesoriere dell’ex Margherita, e di quello della Lega Nord, Francesco Belsito, tutti i leader di partito, capeggiati dal trio ABC (Alfano-Bersani-Casini), propongono altresì i controlli, tipo l’istituzione di un servizio di revisione dei conti come avviene per le società quotante in borsa. La legge, però, come è stata fatta sui contributi e rimborsi elettorali di fatto non esplicita come i soldi debbano essere utilizzati, che dovrebbero – italiano docet – servire a “rimborsare” come detto le spese che il partito sostiene per i propri sforzi elettorali. Invece “legalmente parlando” non ci sarebbero vincoli. (altro…)

Annunci

CERCHIAMO di fare un po’ di chiarezza a quanti rimangono sbigottiti di fronte ai numeri che circolano sui media (telegiornali e quotidiani) circa il grosso esborso di soldi che sono usciti – diciamo – legalmente dalle casse dello Stato, foraggiate dalle tasse dei contribuenti e dal debito – costantemente in crescita – pubblico.

In Italia, il c.d. “finanziamento pubblico ai partiti” è stato abolito formalemtente con il referendum abrogativo nel 1993 (il sì vinse con il 90,3% dei voti).

Come spesso capita nel nostro fantastico e fantasioso Paese, parafrasando un antico adagio: abrogata la legge, gabbato con inganno. (altro…)


Cari amici,
abbiamo scoperto quasi per caso una simpatica 😐 questione.

Come sicuramente tutti sanno, nelle varie assemblee, siano esse parlamentari che regionali, i partiti/liste si dividono in gruppi; quello che è meno pubblico è il fatto che questi “gruppi” percepiscono fondi, rimborsi e sovvenzioni.

È capitato così che veniamo alla conoscenza che – ad esempio – ciascun gruppo al Consiglio Regionale del Lazio percepisca la poco banale cifra di € 500.000 per ogni anno di legislatura; senti come suona bene: CINQUECENTOMILA EURO PER CIASCUN GRUPPO PER OGNI ANNO DI LEGISLATURA. (altro…)