Posts contrassegnato dai tag ‘Valentino Rossi’


Piloti MotoGP 2010

IL PROSSIMO 11 aprile 2010 parte, finalmente, la stagione motoristica del 2010 del Campionato Mondiale della MotoGP.

Il calendario delle gare è stato presentato; avrà inizio nella Penisola Araba per concludersi – dopo un’avventura lunga ben 19 gran premi, essendo stato finalmente reinserito il GP d’Ungheria, saltato l’anno scorso per permettere al nuovo sito magiaro per la corsa (il circuito di Balatonring, al posto dell’Hungaroring; provate a cercare il sito web: è ancora under costruction 😦 ) –  il 7 novembre a Ricardo Tormo di Valencia. (altro…)


MOLTI forse avranno capito che da un po’ di tempo (per la precisione questa è la 3^ stagione consecutiva) Sraddino e il sottoscritto hanno intavolato una gara su quale fosse la motocicletta (e la passione) tra le nostre beniamine: Suzuki per lui e Ducati per me.

Per i precedenti 2 anni ho vinto io; beh, vinto è una parola che in realtà non riesce a rendere l’idea della portata della legnata che – appunto – nell’uno-due si è preso il mio caro amichetto. Una caporetto

Altri avrebbero gettato la spugna; riconoscendo che le Suzuki sono tanto brave a fare Burgman e patatine, ma al di fuori…
LUI NO!!! Imperterrito e imperituro ha detto: “sta volta te frego!(altro…)


rossi_yamaha_win_jerez2009DOPO 2 secondi posto nelle prime due gare dell’anno, battuto in quelle sedi prima da Casey Stoner e successivamente dal compagno di squadra Jorge Lorenzo, arriva a Jerez de la Frontera la prima vittoria anche per il dottor Rossi.
Vittoria prepotente e netta; soprattutto perché avvenuta in casa iberica, casa dei grandi avversari Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo. Proprio quest’ultimo, poi, aveva data l’impressione di essere d’un altro passo rispetto a tutti gli altri.

Invece in gara le forze espresse in campo sono state decisamente diverse.
La griglia di partenza (Lorenzo, Pedrosa, Stoner e – solo 4° – Rossi) avrebbe fatto immaginare una gara con gli spagnoli in primo piano inseguiti dai campioni del mondo delle ultime 2 edizioni.

Lorenzo invece si è perso quasi subito passando in pochi metri al 4° posto; e la gara sembrava fosse una pratica dell’ispanico di Honda e dello scudiero della Ducati; con qualche punto a favore del primo: Casey seguiva il passo, ma appariva un po’ corto di fiato. (altro…)


Dall’attesissimo inizio del campionato del mondo 2009, sono emerse 2 certezze:
la prima è che è ancora la coppia Rossi-Stoner a dettare legge e a rendere quasi superflua la partecipazione di tutti gli altri piloti;
la seconda – meno sperata – è che ormai l’intervento dell’uomo (inteso dell’essere pensante) finisce per rovinare qualsiasi bella cosa si sia riuscito a creare, nel nome – ahimé – dell’interesse commerciale. Come già occorso per le auto.

Partiamo proprio, purtroppo, dalla triste analisi di quest’ultimo aspetto. (altro…)


MA quanto è forte Valentino Rossi in questo momento? Ma quanto è in forma? Sì vabbé uno che vince 8 mondiali si sa bene quanto vale, ma il Vale di Sepang è veramente una cosa ‘bestiale’.

Il gruppo formato da Rossi-M1-Bridgestone è veramente più forte di qualunque altro. Forse anche in modo esagerato.
Ti fa saltare sul divano ed esclamare “ma come è possibile?… ma come c…o fa’?

Rossi disbriga la pratica avversari in un lampo; quasi fosse di un altro mondo, facesse un altro mestiere, per usare le parole di Guido Meda. (altro…)

8volante ROSSI

Pubblicato: 29 settembre 2008 da Dadi in Motociclismo, MotoGP, Sport, Uncategorized
Tag:, ,

LA cronaca della corsa di Sepang ha ben poca importanza in questo momento, dove i riflettori sono (ed è giusto che sia così) rivolti solo verso il campione di Tavuglia, Valentino Rossi.

Siamo qui a lodare il nosto Cesare della MotoGP e la magistrale grandezza del ex-guascone pesarese, oggi uomo maturo ed esperto.
Grande e prepotente. E l’ha ribadito proprio nella gara di ieri. Si sarebbe potuto accontentare di un secondo o anche di un terzo posto sulla pista giapponese, dietro al campione del mondo uscente, Casey Stoner. Ma lui non ci sta e vuole tutto, vuole fare sapere che la vittoria, il bottino grosso, non è casuale; non è perché l’avversario della Ducati ha dato troppe volte forfait, ma perché quest’anno non ce n’era per nessuno.

OTTO volte campione, Rossi il dominatore conquista tutto ciò ci sia da prendere con i suoi lunghi tentacoli, l’umano octopus. MITICOOO

Onore e merito resta anche a Stoner, l’unico a conti fatti ad aver tenuto aperta la fiammella dell’incertezza (non fosse caduto a Brno e Misano oggi staremmo a godercela fino all’ultima gara). Ma non quest’anno.


PER la prima volta la MotoGP si presenta sul curioso tracciato di Indianapolis; non certo lo storico asfalto dove si corre la velocissima 500 miglia e neppure la configurazione – veloce – della Formula 1.

Già si era corso quest’anno negli USA, a Laguna Seca, dove c’era stato il mitico exploit di Rossi contro l’arrembante Stoner; da quella volta l’australiano non si è più ripreso, anche psicologicamente: memorabili le due incredibili, imprevedibili, inimmaginabili cadute a Brno e a Misano mentre era in testa alla gara.

Nelle qualifiche di sabato, Rossi aveva stampato la best pole ma l’avversario della Ducati aveva ben impressionato per il secondo posto in griglia con un passo gara decisamente veloce.

Domenica, il giorno della gara, le condizioni meteorologiche sono cambiate in modo incredibile. (altro…)